"Papà Gambalunga": l'instancabile positività nella lotta per i propri sogni

 

“Questo è davvero un mondo interessante.”

 


Ciao book-dipendenti! Oggi vi porto la recensione del libro che ho letto per il gdl #nelmooddelmese di Settembre, ovvero “Papà Gambalunga” di Jean Webster.




AutriceJean Webster, pseudonimo di Alice Jean Chandler Webster, scrittrice statunitense.

 

Titolo originaleDaddy Long Legs.

 

Traduttori: Miriam Chiaromonte e Enrico de Luca.

 

Anno di pubblicazione: 4 Luglio 2019 (1912 la versione originale).

 

Pagine: 264.

 

Genere: epistolare, young adult (classico della letteratura americana).                                     

 

Casa editrice: Caravaggio Editore.

 

Costo: 15,50€

 

Voto: 10/10.

 

Pezzo preferito“Se vuoi qualcosa proprio abbastanza profondamente e continui a provare, la otterrai alla fine.”

 

 

 

Narrazione: La narrazione è in prima persona in quanto la storia di Judy viene raccontata da lei stessa attraverso le sue lettere al suo benefattore “Papà Gambalunga”.

 

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura è molto semplice e fluido, colloquiale, divertente e sfrontato, proprio come Judy. Le pagine volano via velocemente e alla fine resta la malinconia delle grandi storie, semplici e vicine alla quotidianità.

 

 

 

Trama: Jerusha Abbott, che preferisce farsi chiamare Judy, è un’orfana dell’Istituto John Grier. Un “deprimente” mercoledì, la sua vita cambia radicalmente: grazie alle sue ottime potenzialità, in particolare nella scrittura, un misterioso benefattore decide di pagarle gli studi presso un prestigioso college. Tutto questo a due condizioni: Judy dovrà scrivere regolarmente all’ignoto filantropo, che ribattezzerà “Papà Gambalunga” (avendone visto solo la lunga ombra proiettata su un muro), per aggiornarlo sui suoi progressi, e il benefattore stesso dovrà restare sempre nell’anonimato. Inizia così questo splendido romanzo epistolare “a senso unico”, ma capace di coinvolgere fino all’imprevedibile finale.

 

 

 

LE MIE CONSIDERAZIONI

 

L’ambientazione principale è il college nel quale Judy studia grazie alle donazioni del suo benefattore, il misterioso e sconosciuto Papà Gambalunga.

 

Nonostante la sua brevità, il libro affronta diversi temi, tra cui il diritto delle donne allo studio, all’indipendenza e alla realizzazione dei propri sogni, tutte cose difficili da ottenere all’epoca, ma per cui molte donne, come Judy, hanno lottato. In questo possiamo riconoscere l’impegno politico e sociale dell’autrice che supportava l’istruzione e il suffragio universale e partecipò a diverse marce per il voto alle donne. Le sue eroine erano portavoce del desiderio profondo di realizzazione delle donne.

La povertà viene messa spesso in contrapposizione con l’opulenza, sottolineando come a volte i ricchi fanno beneficienza solo per sentirsi la coscienza a posto, senza capire realmente le necessità e il disagio dei poveri.

Non mancano l’amicizia e l’amore che, insieme alla passione per la scrittura, accompagnano la crescita di Judy.

Si cresce insieme a Judy, pagina dopo pagina si impara una sfumatura diversa della vita.

La cosa che ho apprezzato maggiormente è la positività che trasmette il libro. Judy è un’instancabile sognatrice che sa prendere sempre il lato positivo di ogni situazione, senza mai abbattersi. Va avanti, nonostante tutte le difficoltà, senza perdersi d’animo.


Judy Abbott è spontanea, frizzante, divertente e coraggiosa. È piena di voglia di vivere e di migliorarsi in tutti i sensi. È dolce, gentile, premurosa e sempre disponibile con tutti.

 

Inoltre, ho apprezzato molto anche la presenza delle note a piè di pagina dei traduttori.

 

Amavo l’anime da piccola e ho amato anche il libro ora. Ho ritrovato la spontaneità, l’allegria e l’amore della vita che mi avevano fatta appassionare alla storia di Judy durante l’infanzia.

Insomma, un libro assolutamente perfetto, uno dei migliori mai letti, e una storia da leggere e rileggere.

 

 

 

LE CURIOSITÀ


La madre dell’autrice era una nipote di Mark Twain.

 

Il seguito di “Papà Gambalunga”, “Caro nemico”, fu anch’esso un bestseller.

 

Il termine “daddy long-legs” (Papà Gambalunga) non risulta utilizzato prima del 1865 e viene citato in “Piccole donne” della Alcott. Con questo termine vengono chiamati nei paesi anglosassoni alcuni ragni, aracnidi e insetti.

 

 

 

 

 

Link di Amazon per comprare il libro:

https://www.amazon.it/gp/product/8895437918/ref=as_li_tl?ie=UTF8&camp=3414&creative=21718&creativeASIN=8895437918&linkCode=as2&tag=timelesshop07-21&linkId=5c3c5318df7ca811ce53b2194606a7aa

 


Se volete restare aggiornati sulle mie letture, potete seguirmi su:

Facebook:

https://www.facebook.com/Timeless-Hopeful-Reader-101341068062595/

Instagram:

https://www.instagram.com/timelesshopefulreader/?hl=it

Twitter:

https://twitter.com/ReaderHopeful?s=08

YouTube:

https://www.youtube.com/channel/UC3zm97IMM_fh9F9gitoomzg

Goodreads:

https://www.goodreads.com/user/show/110257139-timeless-hopeful-reader

Tik Tok:

https://vt.tiktok.com/yafGXh

"IL VALORE DELLA DIFFERENZA": UN DELICATO TOCCO SUL CUORE

 
“Ai sognatori, a coloro che non hanno ancora trovato la propria strada.”
 
Ho conosciuto questo meraviglioso libro grazie a Raffaella, l’illustratrice, una mia compagna delle scuole elementari. Nonostante la poesia non sia un genere che leggo spesso, in questo caso sono rimasta piacevolmente affascinata da questi dolci componimenti. Quindi, ora vi lascerò la mia breve recensione.
 


AutriceMaria Laura Riccardi, giovane letterata, laureata in Filologia moderna e appassionata di storie di femminismi e politiche di genere.
 
Illustratrice: Maria Raffaella Matranga, artista laureata all’Accademia di Belle Arti in Pittura. La sua arte, in genere, rappresenta paesaggi immaginari e fantastici con stoffe e giocattoli.

Anno dell'edizione: 2020.

Pagine: 68.

Genere: poesia.

Costo: 10€.

Casa editrice: youcanprint.

Voto: 8/10.
 
Poesia preferita:
“DIAMANTE
Voglio posarti ogni giorno
sul ripiano più alto
della mia esistenza,
voglio farti brillare
anche quando l’ombra opaca
del tempo si poserà su di te,
voglio ammirare lo spazio
che rimarrà ogni volta che
ti trafiggerà una scheggia.
Il tuo dolore è anche il mio,
sei il mio diamante,
sei il mio cuore.".
 
 
 
Trama: Queste poesie nascono dalla consapevolezza che ci sentiamo veramente felici solo quando siamo amati e liberi di esprimere noi stessi. Queste 57 poesie parlano un po’ di tutto: amore, sofferenza, scoperta e, soprattutto, differenza, anche sessuale, e di accettare e valorizzare di essere diversi.
Oggi ci sembra che la nostra stima e il nostro benessere dipendano da quello che pensano gli altri, ma non è così. Così, la debolezza, il senso di inadeguatezza e la sensibilità diventano un modo per analizzare la realtà e il mondo circostante.
 
 
 
LE MIE CONSIDERAZIONI
 
Questo è un libro ricco di emozioni e frasi su cui soffermarsi. Va letto a piccoli bocconi, una poesia al giorno magari, per assaporarlo al meglio.
L’autrice tratta, con una delicatezza unica, diverse circostanze della vita in cui è facile riconoscersi.

La lettura suscita sensazioni profonde che, insieme alle illustrazioni, colpiscono l’anima. Inoltre, la narrazione è in prima persona, per cui, leggendo, il coinvolgimento è alto.

Lo stile dell’autrice è molto delicato e profondo, lirico ed emozionante, ineccepibile.
Infine, Raffaella, l’illustratrice, ha saputo condensare le emozioni delle parole in forme, caricando di espressività le sue illustrazioni. Le ho apprezzate davvero molto e la mia preferita è quella a sinistra.
 
 
 






"HEARTSTOPPER - VOLUME 2": LA DOLCEZZA DI SCOPRIRE CHI SIAMO

"Perché non possiamo solo baciarci ed essere felici?"


Inizia oggi il review party, organizzato da me in collaborazione con la Mondadori, del graphic novel “Heartstopper – Volume 2” di Alice Oseman. Qui sotto trovate i nomi delle blogger che partecipano all'evento e le date di uscita delle loro recensioni.



Qui sotto, invece, trovate i link dei vari blog.


Vivo Attraverso i Libri (Claudia):

https://vivoattraversoilibri.blogspot.com/


Semplicemente Leggo (Azzurra):

https://semplicementeleggo.blogspot.com/


L'Angolo di Mia (Marika):

https://langolodimia.blogspot.com/?m=1


Andre.iread (Andrea):

https://iread.art.blog/


Di Corvi e Scrivanie (Silvia):

http://dicorviescrivanie.blogspot.com/


Sfumature e Sogni d'Inchiostro (Regina):

https://sfumatureesognidinchiostro.wordpress.com/


Fenice fra le pagine (Barbara):

https://fenicefralepagine.home.blog/


 


AutriceAlice Oseman, scrittrice e illustratrice, nata il 16 ottobre 1994. I suoi romanzi raccontano la vita adolescenziale contemporanea nel Regno Unito e hanno ricevuto i premi Inky Awards e United By Pop Awards.


Traduttore: F. Matteuzzi.

 

Titolo originaleHeartstopper - Volume 2.

 

Anno dell'edizione: 2020 (uscita il 06/10).


Pagine: 324.


Genere: graphic novel.

 

Casa editrice: collana Oscar Ink della Mondadori.


Costo: 17€.

 

Voto: 10/10.

 

Pezzo preferito"Non sentirti costretto a fare coming out con nessuno finché non sei pronto a farlo.".

 

 

 

Trama: Nick e Charlie sono grandi amici. Nick sa che Charlie è gay, e Charlie è sicuro che Nick non lo sia. Ma l'amore percorre strade inaspettate, e Nick scoprirà parecchie cose sui suoi amici, sulla sua famiglia e su se stesso.



Narrazione: La narrazione avviene principalmente attraverso i dialoghi e le vicende sono raccontate dal punto di vista dei due protagonisti, ovvero Charlie e Nick. Ci sono anche dei piccoli pezzi dei loro rispettivi diari.

 

Stile di scrittura: Lo stile della Oseman è scorrevole e lineare, come nel primo volume. L’autrice, accompagnando il lettore per mano, riesce a raccontare con semplicità e dolcezza la complessità dell’età adolescenziale. La sua delicatezza nell’affrontare i temi LGBTQ+ è unica.

 

Illustrazioni: Come nel primo volume, sono meravigliose e in grado di descrivere perfettamente le emozioni umane.

 

 

 

LE MIE CONSIDERAZIONI

 

Il tema centrale di questo graphic novel è il percorso verso la conoscenza del proprio orientamento sessuale e il conseguente coming out.

 

Charlie, serpeverde del quarto anno, è timido, sensibile e molto comprensivo. Nick, grifondoro del quinto anno, è forte, atletico e simpatico. Il primo ha fatto coming out da tempo e per via del suo orientamento sessuale ha subìto bullismo, tema che viene ripreso in questo volume.

Il bullismo, che sia esso fisico, verbale, psicologico o elettronico (cyberbullismo), è sempre un qualcosa che discrimina e devasta chi lo subisce, e la Oseman lo descrive perfettamente facendoci provare il profondo disagio che sente Nick.

 

Nick, invece, sta attraversando quella delicata e confusa fase nella quale deve capire una parte importante della sua identità. Un momento che necessita del giusto tempo e di tutto il supporto e la comprensione di amici e parenti.

A volte cerchiamo di attribuirci un’etichetta a tutti i costi, inseguendo quel bisogno di completezza e di sentire che ogni cosa è al suo posto. Ma le emozioni e l’amore vanno vissuti a prescindere dalle etichette che, spesso, non bastano per incasellarci tutti. In questo graphic novel ho trovato un invito a vivere la vita con maggiore tranquillità, accettandoci così come siamo, evitando di focalizzarci troppo sull’identificarci con una determinata categoria. Inoltre, non dobbiamo mai sentirci obbligati a rivelare al mondo intero il nostro orientamento sessuale, soprattutto se non ci sentiamo pronti a farlo o se non siamo sicuri di quello che sentiamo.

Allo stesso tempo, tuttavia, credo che conoscerci meglio ci renda anche più felici e tranquilli e, per questo, ognuno dovrebbe poter avere tutto il tempo e l’affetto necessari per farlo.

 

Nel viaggio alla ricerca di noi stessi, l’amore può essere un faro, una bussola, una guida, che ci impedisce di perderci. Ed è proprio questo che fa Charlie per Nick, donandosi incondizionatamente e comprendendo i suoi dubbi e bisogni. In questo, Charlie è davvero un grande esempio per tutti.

 

Alla fine del volume è presente un mini-cominc, che ho apprezzato molto, attraverso il quale si possono conoscere meglio due personaggi secondari di “Heartstopper” e la loro relazione.

 

Infine, sappiate che in diversi momenti, soprattutto leggendo le pagine finali, mi sono commossa profondamente fino ad avere gli occhi pieni lacrime. Mi ha davvero sciolto l’anima. Quindi, con un pacchetto di fazzoletti in una mano e una tazza di cioccolata calda nell’altra, leggete anche voi questo speciale graphic novel.

 

 

 

CURIOSITÀ

 

 

"Heartstopper" è una serie webcomic, per cui, può essere letta su Tumblr e Tapas. Se siete impazienti di sapere il seguito della storia, la trovate proprio lì. L’autrice la aggiorna tre volte al mese: il 1°, l’11 e il 21.

 

Nel 2021 dovrebbero essere stampati in italiano dalla Mondadori alcuni libri della Oseman, tra cui “Loveless” che ha come protagonista una ragazza asessuale.

 



 


Se volete restare aggiornati sulle mie letture, potete seguirmi su:

 

Facebook:

https://www.facebook.com/Timeless-Hopeful-Reader-101341068062595/

Instagram:

https://www.instagram.com/timelesshopefulreader/?hl=it

Twitter:

https://twitter.com/ReaderHopeful?s=08

YouTube:

https://www.youtube.com/channel/UC3zm97IMM_fh9F9gitoomzg

Goodreads:
Tik Tok:
https://vt.tiktok.com/yafGXh/

"I CERCATORI DI PACE": UN LIBRO PROBLEMATICO

 

“Per un attimo si fronteggiarono come due nemici: il passato e il futuro.”

 



Ciao book-dipendenti!

Ecco a voi la recensione di un libro che ho letto per una collaborazione e che, purtroppo, non mi è piaciuto.

Grazie mille a Luca Terlizzi per avermi permesso di leggere questo libro mandandomelo.




AutriceLaura Costantini, scrittrice e giornalista romana.

 

Illustratore: N. Pizzorno, artista emergente genovese.


Anno di pubblicazione: 2018.

 

Pagine: 404.

 

Genere: fantasy post-apocalittico.

 

Casa editrice: Dei Merangoli Editrice.

 

Costo: 18€

 

Voto: 3/10.

 

Pezzo preferito“Non c’è niente di più magico della realtà.”

 

 

 

Narrazione: La narrazione è in terza persona; il narratore esterno è onnisciente e racconta la storia dal futuro.

 

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura dell'autrice è scorrevole e migliora molto nelle ultime 80 pagine circa. Lo stile rappresenta l’aspetto del libro che ho apprezzato maggiormente in quanto rende piacevole la lettura.

 

 

 

Trama: "I cercatori di pace", eroi o forse vittime designate da chi detiene il potere, partono alla ricerca di un futuro che viene dal passato e che li porta a incrociare i loro destini: Ghillean, Litia, Kimen e Tarnell non si conoscono e non si fidano uno dell'altro, ma sono giovani e umani. È il 518° anno di guerra e nessuno ricorda più come e perché sia iniziata. La soluzione consiste nel catturare un leggendario e misterioso Mutato, nel quale si cela l'arma speciale inventata prima periodo bellico che ha generato un ritorno al passato, un medioevo privo di tecnologia, cultura e memoria storica.

 

 

 

LE MIE CONSIDERAZIONI

 

Il libro in sé non è sorprendente o innovativo, ma non è niente male in fin dei conti. Mi aspettavo di più, anche perché i colpi di scena sono risultati prevedibili, ma nel complesso è godibile.

 

I personaggi sono ben descritti ma, a mio parere, non sempre si comportano come dei veri esseri umani. Infatti, a volte, hanno delle reazioni e dei comportamenti innaturali e forzati. Tuttavia, Dareh e Litia mi sono entrati nel cuore e mi sono affezionata a loro.

 

Il vero problema di questo libro, secondo me, sono i messaggi negativi che manda, motivo per cui ho dato un voto così basso. Per parlarvene, devo, per forza di cose, entrare nel dettaglio e fare spoiler, per cui, se volete leggere il libro non leggete il resto.



*** Spoiler ***


Uno dei messaggi peggiori, a mio avviso, risiede nella visione dello stupro. Questo viene in un primo momento messo sullo stesso livello di una serie di frustrate subite da un uomo (nel senso di individuo di sesso maschile, e non di essere umano generico) e poi "giustificato" perché la persona in questione lo aveva in qualche modo già subito in precedenza. Questi messaggi sono sbagliati per diversi motivi.

1.    Innanzitutto, sia un uomo che una donna possono subire uno stupro (in qualsiasi società del presente e del passato), e sottintendere che siano solo le donne a subirlo credo sia profondamente sbagliato.

2.    Inoltre, lo stupro e le percosse, chiaramente, non possono essere messi sullo stesso piano, a prescindere dal sesso biologico della persona che li subisce.

3.    Bisogna considerare anche che ogni persona ha un modo diverso di vivere un trauma, quindi, non si possono fare paragoni a prescindere.

Infine, far passare uno stupro per qualcosa da tralasciare perché se ne è già subito uno, è semplicemente assurdo.

 

Sempre in riferimento alle violenze, più avanti nel testo, si fa riferimento alle doti di recupero dopo un trauma del genere. Il massaggio che traspare è che una donna abbia le doti di recupero per poterlo superare, mentre un uomo no, per cui quest’ultimo ha bisogno di un maggiore lasso di tempo per ricredersi. Anche questo, a mio avviso, è un messaggio negativo, in quanto, le doti di recupero non dipendono dal genere biologico di appartenenza.

 

Infine, non ho apprezzato nemmeno le "battute" sulla presunta omosessualità di un cavallo che hanno ritratto l'omosessualità come un qualcosa di cui vergognarsi e da aborrire.

 

Capisco che una mentalità del genere potesse essere presente in una società simil-medievale come quella del libro, ma credo che la presenza di una coscienza morale all'interno (come ha fatto, ad esempio, Huxley ne "Il mondo nuovo") fosse necessaria a narrare correttamente queste cose, per lasciare un messaggio chiaro e positivo a riguardo.

 

*** Fine spoiler ***

 


In conclusione, pur sconsigliando questo libro, credo che l'autrice possa fare molto di meglio con il suo stile e le sue idee. Senza quei messaggi negativi sarebbe stato, tutto sommato, un buon libro. 



 

LE CURIOSITÀ


Un’altra opera famosa della stessa autrice è la sagaDiario Vittoriano” dell’editore goWare.

 

L’autrice ha scritto anche insieme a Loredana Falcone.

 

 

 

 

 

Link di Amazon per comprare il libro:

https://www.amazon.it/gp/product/8898981430/ref=as_li_tl?ie=UTF8&camp=3414&creative=21718&creativeASIN=8898981430&linkCode=as2&tag=timelesshop07-21&linkId=2e001836d86842a42f53426574ad4233

 


Se volete restare aggiornati sulle mie letture, potete seguirmi su:

Facebook:

https://www.facebook.com/Timeless-Hopeful-Reader-101341068062595/

Instagram:

https://www.instagram.com/timelesshopefulreader/?hl=it

Twitter:

https://twitter.com/ReaderHopeful?s=08

YouTube:

https://www.youtube.com/channel/UC3zm97IMM_fh9F9gitoomzg

Goodreads:

https://www.goodreads.com/user/show/110257139-timeless-hopeful-reader

Tik Tok:

https://vt.tiktok.com/yafGXh/

"ENOLA HOLMES - IL CASO DEL MARCHESE SCOMPARSO": TRA CRITTOGRAFIA E FIORI

 

“Vorrei poter dire che me ne andai dalla stanza con fredda dignità, ma la verità è che inciampai nella gonna e barcollai fino alle scale.”

 



Ciao book-dipendenti! In attesa della pubblicazione su Netflix del film “Enola Holmes” – che avverrà domani – vi lascio la mia recensione sul primo libro sulle avventure di questa investigatrice che ha ispirato il film.

Grazie mille alla casa editrice DeA per avermi permesso di leggere questo libro in epub.




AutriceNancy Springer, scrittrice statunitense di romanzi di fantascienza, gialli e per ragazzi. “Enola Holmes” è la sua serie di maggior successo.



Titolo originaleThe Case of the Missing Marquess.

 

Traduttrice: Sara Mazzucchi.

 

Anno di pubblicazione: 15 Settembre 2020 (2006 la versione originale).

 

Pagine: 224.

 

Genere: young adult, mystery.

 

Casa editrice: DeA.

 

Costo: 14,90€

 

Voto: 7/10.

 

Pezzo preferito“Londra, quel gran calderone di mattoni e pietre, pareva ribollire di un vortice perpetuo di attività umana.”

 

 

 

Narrazione: La narrazione è in prima persona in quanto è la stessa Enola a raccontarci la sua storia.

 

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura è adatto ad un pubblico giovane, per cui è molto semplice e fluido.

 

 

 

Trama: Enola Holmes è la sorella minore di due inglesi famosissimi: Mycroft e Sherlock Holmes, che la guardano sempre dall’alto credendo che sia solo una ragazzina capricciosa. Per fortuna, Enola ha la madre che la comprende. Tuttavia, quando la donna scompare nel nulla, i fratelli decidono di mandarla in collegio per farla diventare una docile signorina. Enola, in sella alla sua bicicletta, fugge di casa in direzione di Londra, fino ad incrociare le tracce di un giovane marchese scomparso.

Tra intrighi, indagini e inseguimenti mozzafiato, comincia così l’avventura di Enola, capace di farla sotto il naso dello stesso Sherlock Holmes.

 

 

 

LE MIE CONSIDERAZIONI

 

L’ambientazione principale è la grigia, cupa e inquinata Londra della fine dell’Ottocento. Le descrizioni fatte dall’autrice sono iconiche e permettono a chi legge di immaginarsi realmente tra le vie della capitale britannica.

 

Il tema principale è la visione della donna. Enola è tutto quello che una “signorina” perbene

non dovrebbe essere: non porta il cappello, usa i pantaloni, è sfrontata, legge libri e non vuole indossare quel maledetto strumento di tortura che è il corsetto – una vera e propria gabbia! La nostra eroina rappresenta la voglia delle ragazze e delle donne di realizzarsi e di non sentirsi costrette nei canoni del tempo, cose nelle quali possiamo riconoscerci anche oggi.

Ho apprezzato molto anche i riferimenti alla crittografia e al significato dei fiori. Decifrare i messaggi è stato divertente e sono sicura che può esserlo ancora di più per le persone più giovani di me che decidono di leggere il libro.

Essendo un mystery, inoltre, ha la sua buona dose di misteri e colpi di scena che, tuttavia, agli occhi di una persona adulta sono un po’ scontati, ma che credo possano essere apprezzati dal pubblico a cui è destinato il libro.

 

I personaggi sono filtrati dagli occhi di Enola, per cui, la loro descrizione strappa spesso un sorriso.

Mycroft, uno dei fratelli maggiori di Enola, è un uomo impegnato e influente con una carriera politica nel governo londinese. Sherlock, intelligente e intuitivo, è il famoso detective che conosciamo tutti. Entrambi credono di sapere cosa sia meglio per Enola, ma si sbagliano di grosso.

Enola, una quattordicenne dai capelli castani, invece, sa cosa fa per lei e non si lascia mai scappare l’opportunità di farcelo capire. Tuttavia, sotto il suo anticonformismo e la sua forza, nasconde un profondo bisogno di essere apprezzata e amata.

 

In conclusione, un piacevole inizio di saga che consiglio soprattutto agli/lle adolescenti e che può essere apprezzato anche da un pubblico più adulto.

 


 

LE CURIOSITÀ


L’autrice insegna scrittura creativa allo York College, in Pennsylvania.

 

Questa è la prima volta che viene tradotta in Italia la serie.

 

La serie comprende nel totale sei libri.

 

Il film ispirato a questo libro sarebbe dovuto essere distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi dalla Warner Bros., ma per via della pandemia di COVID-19 verrà distribuito su Netflix.

 

La produttrice del film è Millie Bobby Brown, la nostra amanta “Undi”.

 

 

 

 

 

Link di Amazon per comprare il libro:

https://www.amazon.it/gp/product/8851183120/ref=as_li_tl?ie=UTF8&camp=3414&creative=21718&creativeASIN=8851183120&linkCode=as2&tag=timelesshop07-21&linkId=8aeb4ed562254cf3bbd3734525cc596b



Se volete restare aggiornati sulle mie letture, potete seguirmi su:

Facebook:

https://www.facebook.com/Timeless-Hopeful-Reader-101341068062595/

Instagram:

https://www.instagram.com/timelesshopefulreader/?hl=it

Twitter:

https://twitter.com/ReaderHopeful?s=08

YouTube:

https://www.youtube.com/channel/UC3zm97IMM_fh9F9gitoomzg

Goodreads:

https://www.goodreads.com/user/show/110257139-timeless-hopeful-reader

Tik Tok:

https://vt.tiktok.com/yafGXh/

L'ultima recensione

"Papà Gambalunga": l'instancabile positività nella lotta per i propri sogni

  “Questo è davvero un mondo interessante.”   Ciao book-dipendenti! Oggi vi porto la recensione del libro che ho letto per il gdl #nelmo...